Condividi sui tuoi canali social l'articolo

Riportiamo un intéressante articolo dal portale sanitànews.it

Magi, centro pilota per la diagnosi, ricerca e cura delle malattie genetiche e rare, promouove un network italiano per la diagnosi e la terapia, cui partecipano il Gemelli di Roma e gli ospedali “San Paolo” e “Luigi Sacco” di Milano. Le novità più rilevanti di questa iniziativa Viagra No Prescription sarannno presentate

in anteprima nella conferenza stampa che si terrà a  Roma il 13 aprile presso la Sala degli atti Parlamentari del Senato della Repubblica.
Per contrastare le malattie rare è necessario ‘fare rete’ riunendo la più ampia casistica possibile di ogni malattia in un numero limitato di centri con elevato know-how scientifico e assistenziale.
Sulle distrofie retiniche ereditarie, un ampio gruppo di malattie che affliggono per lo più bambini rendendoli ciechi prima dell’età adulta, Magi che ha creato una connessione tra i maggiori esperti italiani, quale modello di lavoro in cooperazione. Questa rete clinica, che va dalla diagnosi all’assistenza fino all’indirizzamento del paziente verso terapie innovative, comprende il Policlinico Gemelli di Roma e due ospedali milanesi, il San Paolo e il Luigi Sacco, ma vanta anche collaborazioni internazionali. Grazie a questo network i pazienti di tutta Italia, ma anche di altri paesi europei dove ancora non ci sono strutture di questi livello, potranno avere a disposizione il meglio della diagnostica e delle terapie. Il lavoro di questa rete di centri clinici di eccellenza ha reso possibile raccogliere la più ampia casistica italiana di pazienti e di mettere a punto protocolli terapeutici sperimentali e programmi di ricerca orientati alle terapie; tra queste anche la terapia genica. Dei risultati ottenuti, dell’ampia casistica raccolta e degli sviluppi in ambito terapeutico si discuterà poi in un congresso scientifico organizzato a Trento il prossimo 20 aprile. L’attività congressuale


Condividi sui tuoi canali social l'articolo

LEAVE A REPLY

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.